Uomo

Uomo

11 aprile 2017

CREDERCI











Nell'attesa dell'avvenire
























Non puoi fare a meno di distrarti, non dal traffico incalzante, non dalle bici che ti sfiorano che tutto ti si ritorcerebbe contro se anche solo provassi a lambire la loro più piccola particella né dai pedoni che distrattamente ed immersi nei loro pensieri di una giornata trascorsa ed a quello che sarebbe potuta essere ed a quello che avrebbero potuto ed in alcuni casi dovuto fare, non da tutto questo ma cerchi di distrarti da una dimensione parallela dei tuoi pensieri che affollano la mente ed il cuore emozionando. Come se qualcuno ti stesse vicino ricordando che c'è di più e che non è tutto esattamente così come sembra, e spesso finisce che ci credi subito frenato dal pensiero che non si può vivere di illusioni. Quella voce sottile che si insinua dentro te intanto non sembra voler arrendersi al cinismo ed all'indurimento delle delusioni del non aver visto che da lontano il miraggio della speranza ma senza mai averla toccata e vissuta. Cerchi di darti un contegno da persona rispettabile che si adegua ai canoni generalmente accettati e riconosciuti come ragionevoli per darti il tono che non serve ad altri se non a te stesso perché in fondo ci credi anche tu che sarà difficile che le giornate possano essere diverse da quelle che hai trascorso ma quella voce comincia sempre di più ad assomigliare ad un sermone convinto e nel silenzio sottile delle sue dichiarazioni sottese alla comprensione, il suo dirimere questioni complesse come lo scopo per cui continuiamo a vivere e desideriamo respirare ancora, cattura finalmente tutta l'attenzione di chi, come me, forse come te, in fondo desidera che sia vero.
Non è che davvero ha ragione lei!!??




















































































5 commenti:

  1. Nessuna delusione è per sempre.
    E le illusioni svaniscono con l'esperienza della vita.
    In molte persone esiste un’idea profondamente sbagliata, che fa credere che le sofferenze dell’anima siano destinate a durare per tutta la vita.
    Nei periodi di difficoltà occorre ”posare lo sguardo” sulle cose che veramente ci piacciono e
    che ci rendono felici, perché il benessere del nostro cervello non dipende da quello che ci è accaduto in passato, non dipende dalla nostra storia.
    Quando un tarlo dell’anima resiste, siamo proprio noi a “tenerlo in vita”, soffermandoci sulle cause: non è il pensiero che “rimargina”, ma lo sguardo giusto.
    Almeno, credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dubbio che esprimi al termine del tuo intervento, chiunque tu sia, eppure qualche idea ce l'ho, mi fornisce certezze, quelle alluse ed ipotizzate nella speranza che lo fossero e che se non lo fossero state lo sarebbero diventate come nella trasformazione delle cose che mai si distruggono che altresì si trasformano a volte anche in bozzoli, crisalidi per un volo che punta in alto.
      Concordo certamente con te che le sofferenze dell'anima non siano destinate a durare ma talvolta se tali sofferenze persistono è perché non c'è ancora il luogo della compensazione che consiste non sull'aver trovato qualcosa dopo aver 'posato lo sguardo' ma sull'aver scoperto di sé quanto di nascosto e di irrisolto c'è ancora e non intendo nella costruzione della personalità ma nell'ottenimento di risposte che gravi e dai contenuti soddisfacenti l'anima rendano la pace sancendo la fine di tale ricerca.
      Su qualunque cosa o persona si sia posato lo sguardo questo non può fornire la definizione della verità ma può colmare certi vuoti e determinare la distrazione dal resto ricevendone comprensione, rispetto e complicità.
      Quel verme posto lì da anni non può essere stanato solo da questo e prima o poi viene su prepotentemente.
      Ma di certo dovremmo fare attenzione a non tenerlo proprio noi in vita perché proporzionalmente a quanta gliene diamo ci viene tolta.

      Grazie per il tuo intervento che per la pienezza dei contenuti lo ritengo estremamente interessante.

      Elimina
  2. Il commento precedente è mio, scusa, non mi sono presentata.
    D'altra parte Lauraluna è sempre sulla luna.
    Grazie della tua risposta, è sempre un piacere condividere con te.

    Un cordialissimo saluto,
    Laura
    Laura

    RispondiElimina
  3. Vi è una distrazione , se così sipuò definire , che fa parte del nostro Io interiore, quello che siamo o spesso vorremmo essere , si fa strada esprimendosi in pensieri , cercando di modellare un pochino ed a volte a nostro piacimento un vivere che spesso ci sta stretto. Ed allora si sente la necessità di guardare oltre noi , e tutto serve , anche questa realtà virtuale , dove possiamo esprimere , cio' che tante volte nella nostra quotidianità dobbiamo "reprimere" per non andare sempre in conflitto con i nostri affetti .
    Penso che un'analisi di noi stessi , scritta , rileggendoci anche soltanto il giorno dopo , troviamo piccoli particolari che magari ieri nemmeno vedevamo . Ogni giorno una sorpresa in un intorno dove veniamo disorientati e spesse volte non capiti , dove le nostre idee anche se sembra vengano prese in considerazione , poi non è così . Ed allora vai avanti continuando a sperare in un tutto Migliore .

    Bellissimi pensieri i tuoi Gianni

    Un sorriso grande con l'augurio di serene festività pasquali.

    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molti sensi e per vie diverse, quest'area galleggiante ha prodotto cambiamenti e consapevolezze inaspettate, impreviste che hanno aperto nuove dimensioni di conoscenza di ciò che siamo e che abbiamo man mano scoperto. Gli altri, ci hanno svelato verità sfuggite finalmente ritrovate e qui giungiamo alle sorprese del destino di noi, quello sconosciuto che ci ha presentato il conto cinicamente attraverso morbide curve sinuose trasformate in angoli retti ed inconsueti, pungenti e privi di alcun preavviso. La carne si è quindi svestita sino a vederne il sangue, e le serate placide passeggiando sulla riva al tramonto si sono convertite in faticose salite irte di rovi graffianti. Ma questo è e non solo fuori di qui, dove ogni area ed ogni pagina ricordano sapori che ancora gustiamo in bocca sul palato e dove quel senso di amaro tarda ad affievolirsi.


      Grazie per il sorriso Rosy e per il resto, spero che tu abbia trascorso giorni sereni anche con il tumulto dentro.


      Elimina

Commenti critici sono anche i benvenuti se fatti con la discrezione che leggi in queste righe.