Uomo

Uomo

8 maggio 2017

CI SIAMO



























Mi hanno detto, forse con una certa ironia scaturita da motivazioni evidenti e forse anche un po' scontate vista la persona : “ ...è chiaro allora che stai vivendo emozioni forti!” “stavo ascoltando un pezzo di musica che mi ha fatto emozionare...” la mia risposta che era vera, così come lo era ciò che lei sosteneva ma senza sapere nulla delle cose alle quali evidentemente si riferiva.
Possiamo non emozionarci? Possiamo rimanere nella piattezza dell'omogeneizzazione? Possiamo forse dimenticare la cava dalla quale siamo stati tratti della mancanza di dialettica e di disanima di argomenti ostici? Possiamo forse dimenticare ciò che siamo lasciandoci convincere che saranno altri a prendersi cura del mondo e che lo faranno così bene? Possiamo forse cedere alle lusinghe della gioia effimera della vittoria della nostra squadra del cuore?
L'emozione di un Amore e di un pezzo di musica può non essere denso di ricordi e significati da riempirti i vasi lacrimali al punto che poi si nota che scende giù. incontrollabile e furiosa, gloriosa di esserci e di scorrere come un rivolo fra i lineamenti del tuo volto, quella lacrima?
Non c'è una vera risposta, quando ce ne sarebbero tante, e tutte consone e opportune ma ognuno di noi darà la propria e sarà quella giusta, quella esaustiva, definitiva, completa ed irreversibile.
Proprio perché siamo la parte migliore di un'anima morbida ed esibizionista, che ti conquista per la sua sagacia e destrezza, per l'acutezza delle sue osservazioni e la sobrietà delle sue convinzioni. Un fluttuante movimento di concetti formanti e gravi da sancire quei concetti che poi durano nel tempo ed a cui i più si rifanno senza troppe remore non avendo altro a cui aggrapparsi in un momento di superficialità ed opportunismo nella strumentalizzazione di qualsiasi evento possa destare attenzione.
Oggi ci siamo e ci siamo per davvero con tutto ciò che siamo e senza accennare ai ripieghi o agli indietreggiamenti.
Come non possiamo emozionarci per un ricordo così vivo e attivo, accattivante compagnia delle ore più solitarie?








































































7 commenti:

  1. E’ importante il momento che hai vissuto e hai dedicato alle tue emozioni.
    Ognuno deve poter conservare un angolo di vita interiore tutto per sé, dove sia innarestabile la capacità di provare sensazioni impreviste.
    Per me l’emozione è come uno strumento musicale: distinguere le note, entrare negli accordi, cercare l’armonia……..quando questo accade il tempo si dilata, ci sembra di lenire la nostra inquietudine, di poter proiettare i nostri desideri al di fuori del tempo e dello spazio.
    Un caro saluto,
    Lauraluna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il potere delle emozioni sta all'importanza che diamo loro ché molto abbiamo speso del nostro tempo per reprimerle e dissimularle come se non ci fosse posto per loro, come se non ci appartenessero quasi che non fossero il segno distintivo dell'essere umani.
      Considerarle è come fermarsi e ritrovarsi in un incontro con sé stessi tornando alle origini nella verità vera di ciò che siamo mentre lo stiamo scoprendo.

      Grazie e buona serata a te.

      Elimina
  2. Ci sono situazioni che accadono nel corso della nostra vita , che sono indipendenti dalla logica e dal ragionamento . Esse nascono dentro noi e mentre alcune sfumano , una resta dentro fino a farci scrivere bellissimi pensieri , pensandola. E' bellissimo ricordare Emozioni forti , che oramai fanno parte di quel bellissimo respiro che accomuna queste Anime.

    Sempre complimenti caro Gianni per il tuo scrivere e per la scelta della canzone !

    Un abbraccio
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come inciampare per la strada e cadendo si rinsavisca svegliandosi dal torpore della superficialità in un mattino luminoso e caldo, quasi che quella parte di noi si fosse accorta di quel pezzo sino ad allora mancante ed ora ritrovato.
      Poteri forti quelli delle emozioni che al solo sentire il profumo di quei fiori di quel prato in quel periodo dell'anno sollecitano ricordi mai dimenticati più vividi che mai. Il tempo sembrava lenire e sbiadire un passato sino a quando ti accorgi che non è esattamente così e che anzi tutto è cristallizzato e presente al solo stimolo di alcuni accenni. Fino a quando accogli ragionevolmente il fatto del tecnicismo matematico della disgregazione in atto che solo dopo, permette un nuovo sguardo e nuoci orizzonti.

      Grazie per le tue parole Rosy.

      Io abbraccio te

      Elimina
  3. Caro non é una canzone non é musica e proprio la canzone e la musica e c´é un mondo nelle parole. L'emozione apre le nostre anime per scoprire il cuore. Sei un uomo di gran cuore a te meritano le cose piú belle della vita.

    Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Emozione apre le nostre anime per scoprire il cuore...parole che condivido totalmente considerando che proprio loro, le emozioni, permettono che ci rivediamo e ci fermiamo e comprendiamo.

      Grazie!

      Un abbraccio sentito per te Martha.

      Elimina
  4. La Musica non solo è emozione ma è vita. Ci sono cresciuta dentro; mamma era una concertista, è stata allieva di Benedetti Michelangeli e della Nadia Boulanger. Ricordo interi pomeriggi nascosta sotto il suo pianoforte a coda, immobile, ad ascoltarla esercitarsi per ore. Ero incapace di muovermi pensando che avrei spezzato quella magia! Ancor oggi, quando ascolto Chopin o altri grandi compositori mi emoziono e, talvolta, mi piace pensare a quel senso di immortalità che ti concedono le note.

    RispondiElimina

Commenti critici sono anche i benvenuti se fatti con la discrezione che leggi in queste righe.